HOME

Mare monti e dintorni - 2006 102

ASSOCIAZIONE ESPLORAMONTAGNE

“GUIDE DEI PARCHI E DELLE AREE NATURALI APPENNINICHE”

L’Associazione nasce nel 2005, per il volere di poche persone mosse però da comuni e precisi intenti, condividere la passione per il proprio territorio e allo stesso tempo il piacere di svolgere attività di accompagnamento in montagna.

Il territorio è in primis quello della Romagna-Toscana, in buona parte identificabile come l’area oggi occupata dal Parco Nazionale Foreste Casentinesi (non a caso l’associazione ha sede nel Comune di Bagno di Romagna il più esteso tra quelli costituenti l’area protetta), fino a tutte le porzioni montane e collinari della vicina Romagna; in secondo luogo quello di tutta la Regione e della vicina Toscana.

Le principali attività svolte dall’Associazione, fin da subito si sono legate alla promozione, allo studio e alla valorizzazione di tali aree, tradotte in attività di tipo escursionistico, in serate naturalistiche e divulgative, nell’organizzazione di eventi, nella produzione di testi e mostre fotografiche, nella partecipazione attiva a fiere e convegni.

Accanto a questo, ci si è adoperati per la valorizzazione ed il perfezionamento dell’attività di accompagnamento, specie “nei parchi e nelle aree naturali appenniniche”, proponendo e partecipando a corsi ed eventi dedicati, nonché a momenti di incontro e riflessione con le associazioni affini alla nostra.

Tra i componenti dell’Associazione vi sono provenienze e professionalità diverse, con lavori a volte ben lontani da questo mondo ma allo stesso tempo tutti in grado e con la voglia di dedicare del tempo alle attività proposte.

Esploramontagne risulta ad oggi l’unica associazione costituita da Guide Escursionistiche nel Versante Romagnolo del Parco Nazionale delle Foreste Casentinesi, ne fanno parte “soci attivi” tutti abilitati alla professione di Guida Escursionistica, a cui si aggiungono i “soci fondatori” e un ormai discreto numero di “collaboratori” che a vario titolo partecipano alle attività proposte.

 

Per non dimenticare che “..chi cerca l’infinito non ha che da chiudere gli occhi”

M.Kundera